Eutopia Ensemble

Eutopia Ensemble

Il comitato artistico dell’Eutopia Ensemble ha più volte deciso di lavorare con Alberto Barberis, Barberis ha sviluppato, nonostante la sua giovane età, una cifra stilistica precisa accompagnata da un ricchissimo vocabolario tecnico.
La sua conoscenza dello strumento musicale come “corpo” da indagare attraverso gli strumenti della microfonazione gli è valsa un’importante borsa di studio svizzera, è infatti un compositore che parte dall’analisi del dato acustico per ricavare possibili elementi della composizione e la sua attenzione verso le microproprietà del suono si accompagna ad una sensibilità e una ricerca anche delle condizioni d’ascolto nello spazio, è infatti ideatore e programmatore, con Sandro Mungianu, del software “Ormè”, un nuovo software musicale dedicato alla spazializzazione. La sua grande competenza in materia d’ elettronica è senz’altro una conseguenza di una sua formazione più generale di tipo scientifico, come provano gli studi in ingegneria al Politecnico, ma Barberis è anche promotore e attore di vari gruppi di improvvisazione musicale come per esempio “Alberi” in collaborazione con Alberto Ricca, e “Floating Forest Rec”, un collettivo/etichetta esclusivamente dedicato all’improvvisazione.
Queste esperienze lo rendono incline, anche per natura personale, al lavoro di gruppo e come Eutopia siamo sicuri e orgogliosi di proporlo per un progetto così interessante.

Matteo Manzitti e Emilio Pozzolini

 

L’Eutopia Ensemble nasce nel 2012 da un gruppo di musicisti di formazione classica e si pone un duplice e ambizioso progetto: riportare la musica contemporanea nella città di Genova con una stagione ad essa dedicata e farlo attraverso un ensemble che miri ad essere un punto di riferimento nel panorama musicale dedicato a questa letteratura. L’Ensemble in quattro anni ha affrontato moltissima musica contemporanea: dall’esecuzione della prima nazionale di “WTC9/11” di Steve Reich ai “Luoghi Immaginari” di Fabio Vacchi, da capolavori del primo novecento come “L’Histoire du Soldat” di Stravinsky agli studi per pianoforte di Ligeti. E’ stata affrontata musica di giovani compositori viventi associata a grandi maestri del passato come nel caso del concerto legato alla figura di Franco Donatoni e altre pietre miliari della musica contemporanea come “Vortex Temporum” di Gèrard Grisey o “Professor Bad Trip” di Fausto Romitelli hanno rappresentato delle sfide molto affascinanti, grazie alle quali l’Ensemble è cresciuto e maturato. L’Eutopia Ensemble ha anche riportato a Genova la Lirica Contemporanea, con l’esecuzione di In “The Penal Colony” di Philip Glass, o fuori da Genova la prima assoluta di “Love Hurts” dell’italiano Nicola Moro al Teatro Piccolo di Milano, e sono previste altre produzioni legate al teatro musicale. L’Ensemble ha già ricevuto numerosi inviti, è si è esibito in importanti contesti nazionali ed internazionali: il Teatro Comunale di Imperia per un concerto dedicato a Luciano Berio, la Fondazione Carispezia per un concerto in memoria di “Professor Bad Trip” con la musica di Fausto Romitelli e altri importanti inviti sono arrivati dagli Amici della Musica di Modena, dalla stagione “Sonora” di Merano, dall’associazione “Cluster” di Lucca.

back to top