Alberto Barberis

Alberto Barberis

Nato nel torinese nel 1988, Alberto Barberis è un compositore, chitarrista, performer e ricercatore italiano. Inizia gli studi di chitarra classica in giovane età, ottenendo il Diploma tradizionale e il Diploma accademico di II livello in chitarra classica presso i Conservatori di Torino e Brescia. Parallelamente all’impegno strumentale affronta studi di ingegneria presso il Politecnico di Torino, appassionandosi alle applicazioni matematiche nella composizione musicale e alla musica elettronica, e studi di composizione con il matematico e compositore Giovanni Albini. Dal 2012 è assistente del Direttore Artistico dell’highSCORE New Music Center, ed è parte del collettivo di musicisti legato alla Floating Forest Record, etichetta discografica di musica improvvisativa e sperimentale, collaborando con musicisti quali Davide Merlino e Alberto Ricca / Bienoise. Con quest’ultimo porta avanti uno dei suoi principali progetti elettroacustici: Alberi. Recentemente si è laureato con il massimo dei voti al Master of Arts in Composition and Theory presso il Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano (CH). Al momento è iscritto, presso lo stesso Conservatorio, al MAS (Master of Advanced Studies) in Composizione, e presso il Politecnico di Torino a Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Telecomunicazione. Recentemente ha lavorato con diversi ensemble di musica contemporanea tra cui l’Ensemble Recherche (D) e l’Eutopia Ensemble (IT), e ha partecipato a festival internazionali come OGGIMUSICA e Nachtstrom (CH). Parallelamente all’attività artistica (come compositore, chitarrista-improvvisatore, sound engineer) si occupa dello sviluppo di software musicali, tra cui uno di ear-training (tiascolto) e uno di spazializzazione del suono (Ormé 1.2), presentato nel settembre del 2016 al CIM XXI (Colloqui di Informatica Musicale). Nel 2016 vince la Werkjahr2017 della fondazione Christoph Delz, con un progetto di ricerca sull’interazione tra strumenti orchestrali e device elettronici: Magnifyinglass.

back to top